Rifiuti, parcheggi selvaggi e 0 servizi: il parco regionale di Ugento

rifiuti parcheggi selvaggi e 0 servizi. Il parco litorale di ugento
Condividi subito questo articolo
TEMPO DI LETTURA 4 MinutI

Si moltiplicano in queste ore le segnalazioni arrivate da parte di turisti e persone del luogo che denunciano la grave situazione ambientale del parco Litorale di Ugento, ormai sommerso dai rifiuti mai ritirati da giugno sino ad ora. Ma non solo, la mancanza assoluta di informazioni e i parcheggi selvaggi stanno distruggendo diverse zone del parco.

La totale assenza di controlli ha consentito anche quest’anno l’abbattimento di un muretto nei pressi del bacino spunderati permettendo alle auto di percorrere e parcheggiare sulle dune a soli 20 metri dalla battigia. Una situazione tragica che coinvolge anche la zona di Punta del Macolone, una zona in cui il delicatissimo equilibrio ambientale è stato ormai irrimediabilmente compromesso dalle centinaia di macchine che tutti i giorni percorrono questo tratto retrodunale in cerca di parcheggio, in una zona dove, ricordiamolo tutti, la sosta e il transito dei mezzi dovrebbe essere vietato.

una cista dall’alto di Punta Macolone

Risultano poi abbandonati e vandalizzati tutti i percorsi attrezzati all’interno del parco: il percorso per ipovedenti, l’area avventura e il percorso fitness attrezzato di fatto non esistono più, nonostante una spesa totale di oltre 500 mila euro per la loro costruzione.

Tutto questo all’indomani dell’arrivo delle osservazioni che stravolgeranno il piano parco improntato dal Comune di Ugento, che dopo più di dieci anni sembra non aver ancora trovato il bandolo della matassa nella gestione di un parco che fino ad ora ha rappresentato una perdita secca per le tasche degli ugentini.

La cosa peggiore è che di fatto il parco Litorale di Ugento in queste condizioni sta significando il blocco dello sviluppo turistico del nostro territorio, con anacronistiche e incomprensibili prescrizioni che impediscono importanti investimenti in zone che altrimenti, come dimostrano anche le immagini, sono destinate a diventare discariche a cielo aperto. Sono decine i progetti milionari che in quest’anni non hanno visto la luce a causa anche delle restrizioni dovute all’istituzione del parco regionale.

In tutto questo il Parco Litorale di Ugento manca ancora di un centro informazioni, mancano le mappe, la maggior parte dei cartelloni installati nel tempo sono scoloriti o vandalizzati, non esistono servizi, anche solo una semplice panchina per potersi sedere a bordo dei bacini. Tutto questo dopo milioni e milioni di euro pubblici spesi in questo che appare a tutti come un vorace buco nero, che fino ad ora non ha visto portare un solo euro di beneficio al territorio, con investimenti che hanno visto, come al solito, finire ingenti capitali pubblici fuori paese.

Più di una volta l’ex sindaco Massimo Lecci ha chiesto ai cittadini di avere pazienza, ma il tempo a disposizione dell’ambiente e dell’economia ugentina sembra ormai arrivato agli sgoccioli. Risponda almeno a una semplice domanda l'(ex) sindaco Lecci: a cosa serve un parco in queste condizioni?

Condividi subito questo articolo
0 0 votes
Article Rating
Segui la discussione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments