Cronache dal Consiglio: 22 luglio data da segnare

consiglio comunale 22 luglio 2022
Condividi subito questo articolo
TEMPO DI LETTURA 4 MinutI

Si è svolto oggi venerdì 22 luglio il consiglio comunale di Ugento che doveva discutere di diversi atti inerenti a debiti fuori bilancio oltre che di una mozione proposta dai 5 consiglieri di minoranza facenti parte di due distinti gruppi.

Il consiglio si è aperto con una comunicazione del Sindaco circa i lavori che presto interesseranno le strade di contrada Tore e Donna Francesca.

Dopo si è passati ad approvare alcuni debiti fuori bilancio dovuti a sentenze che hanno visto soccombere il Comune di Ugento. Già in questo frangente è apparsa una inaspettata unione di intenti tra i due gruppi di minoranza, che più volte con gli interventi di Laura de Nuzzo, Ezio Garzia e Giulio Lisi che più volte si sono detti delusi dall’operato del sindaco Salvatore Chiga.

Una nota merita l’affermazione della consigliera De Nuzzo: “noi abbiamo creduto nelle capacità di questa maggioranza, avete convinto anche me in campagna elettorale quando dicevate della competenza[…] siamo molto arrabbiati, sindaco lei ci ha messo una vita per guadagnarsi il rispetto delle persone, lei è una persone che si è data a tanti, ha anche sacrificato la propria vita e la la propria famiglia per dare agli altri. Ma non si accorge di quello che accade nel paese. Quello che sta accadendo è drammatico e non possiamo andare avanti così, prenda in mano la situazione, solo lei lo può fare…

una parte del primo intervento della consigliere Laura De Nuzzo

Più volte i consiglieri di minoranza hanno cercato di porre degli interrogativi al sindaco, che ha comunque preferito non rispondere e procedere nella votazione di tutti i punti riguardanti i debiti fuori bilancio

Alle 9.53 del mattino degno di nota un primo “Dimettetevi” da parte di Giulio Lisi arrivato dopo l’ennesimo appello al sindaco rimasto lettera morta.

un frame del consiglio comunale di questa mattina

Immancabile il passaggio sul sistema museale, con l’assessore Chiara Congedi che è stata incalzata dalla consigliere De Nuzzo, al quale in un intervento ha così replicato:

sono in comune mattina e sera, anche per quanto riguarda la delega allo spettacolo, a cui ho chiesto una mano al consigliere Scorrano, c’è davvero un lavoro di squadra per quanto riguarda questo. C’è il turismo, anche per quanto riguarda la Bandiera Blu e anche questi beni museali. Io più di così non so più che fare. Lo voglio dire chiaro a tutta la comunità. Davvero non so più cosa fare e sono dispiaciuta quanto voi e più di voi proprio perché in campagna elettorale eravamo lì per aprire questi beni…

Una parte dell’intervento dell’assessore Chiara Congedi

Fino ad arrivare a quello che risultava essere l’ordine del giorno più atteso, quello cioè derivante dalla mozione proposta dai 5 consiglieri di minoranza riguardante il presunto inquinamento derivante da quanto attestato dagli inquirenti nel caso che ha portato alle denuncia di 3 operatori ecologici, caso di qui questa testata ha già abbondantemente parlato.

Abbiamo anche dato notizia di tale mozione, alla notizia della convocazione del consiglio comunale.

Da qui in poi i toni si sono alzati con il lungo e dettagliato intervento del consigliere Esposito che ha contribuito con alcuni dati di cui ha anche citato e mostrato la fonte documentale, che dimostrerebbero come i dati circa la raccolta differenziata siano falsati dalle mancate comunicazioni del Comune di Ugento.

La discussione si è infuocata dopo la prima e unica replica del sindaco che, citando la pec recapitata dal legale della ditta che gestisce la raccolta dei rifiuti a Ugento, spiegava come, al momento, non ci sia alcuna evidenza di reato, quanto di un malcostume legato al trasbordo dei camion, fatto su cui gli uffici e il rup stanno comunque verificando. In pratica la versione già apparsa su tutti i giornali dove l’avvocato dell’azienda spiegava le ragioni della stessa, fornendo una loro interpretazione di quanto successo.

Lisi ed Esposito non hanno mancato di esprimere il loro disappunto per la risposta del Sindaco, sottolineando come la prevenzione e la cautela fossero alla base della loro mozione.

Passando Da Garzia e De Nuzzo che non hanno risparmiato asprissime critiche: Gravissimo, esterrefatto, disgustato, amareggiata, perplessa, sgomenta, attonita. Solo alcune delle espressioni che si sentono nei loro interventi, che lasciano intravedere l’amarezza nel constatare alcuni problemi di fondo.

Non ce l’aspettavamo, era un’occasione per poter discutere…

Laura De Nuzzo

Interventi all’insegna della profonda amarezza che ha serpeggiato nei banchi dell’opposizione dopo la replica del sindaco e che poi si è addirittura trasformata in sgomento, dopo aver ascoltato il veemente discorso del vice sindaco Massimo Lecci, che in uno slancio di vera e violenta passione, ha voluto difendere il suo personale operato negli anni, citando altre situazioni che avrebbero visto i consiglieri d’opposizione poco informati perché “Pigri” e “poco informati” e “nemici della propria comunità, che vi ha relegati ad un ruolo di opposizione” citando solo tre passaggi dell’infervorato discorso dell’ex sindaco di Ugento. Un intervento con un tono imperativo che ha visto più volte la presidente del consiglio cercare di calmare Lecci, preso dall’impeto nello spiegare l’operato dell’amministrazione sull’acclarata, e mai dichiarata, emergenza rifiuti che stiamo vivendo.

Un discorso a tratti violento, che ha visto la sua vetta oratoria più alta nel momento in cui Lecci ha voluto far intendere che l’intenzione dei consiglieri di opposizione era dare la colpa ai netturbini di Ugento – anche se di questo non vi è traccia nel testo della mozione, un dato che è impossibile non riportare- .

Un intervento che non ha mancato di offese personali e cadute di stile, che hanno per questo innescato delle reazioni anche scomposte dai banchi dell’opposizione. Con la parola dimissioni che si è potuta ascoltare ancora. Prima delle dovute richieste di rettifica da parte dei consiglieri di minoranza, accusati con veemenza di più condotte nefaste da parte del vice sindaco.

Il finale di tutto questo ha visto comunque la mozione bocciata con i voti della sola maggioranza, che ha espresso per parola del sindaco, la non sussistenza delle condizioni per cui è utile un ulteriore controllo.

La prima reazione ufficiale è stata intanto quella di Giulio Lisi che a nome del suo gruppo ci ha fatto pervenire un comunicato stampa di cui abbiamo già dato notizia.

Il video intero del consiglio comunale è disponibile sulla pagina fb Ugento.online

Condividi subito questo articolo
0 0 votes
Article Rating
Segui la discussione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments