Beccati a scaricare percolato in campagna: 3 denunciati

scaricare percolato
Condividi subito questo articolo
TEMPO DI LETTURA 2 MinutI

UGENTO 8 luglio 2022 – Beccati a scaricare percolato nei campi, 3 denunce e sequestro per il mezzo di Ecotecnica, la ditta che gestisce l’appalto della raccolta rifiuti nel Comune di Ugento.

Sono stati colti sul fatto questa mattina dalla polizia provinciale che ha provveduto a constatare la situazione e contestare il reato di Smaltimento illecito del percolato in concorso tra i tre denunciati, tra cui l’autista del mezzo e il rappresentante locale della ditta.

A quanto sembra il fenomeno andava avanti da anni, nell’indifferenza di chi era preposto al controllo, con gli smaltimenti illeciti che avvenivano in più siti tra cui :

  • zona industriale di Via Racale;
  • vicinanze ecocentro di Torre San Giovanni, nei giorni di raccolta umido e indifferenziato;
  • capannone del cantiere, via delle industrie
  • Zona Burgesi

Un reato odioso che mente in serio pericolo la salute di tutti noi, essendo il percolato una sostanza altamente cancerogena.

l percolato di discarica è un liquido altamente inquinante che necessita di un trattamento specifico, di cui vi parleremo a breve.

Questo liquido si produce attraverso un semplice ed inevitabile processo. L’acqua piovana quando precipita sui rifiuti tende ad incanalarsi tra gli spazi presenti tra questi. Scorrendo e venendo a contatto con i rifiuti in discarica, ne raccoglie le scorie e le componenti chimiche inquinanti che rendono un’iniziale ed innocua acqua piovana un rifiuto da dover trattare.

Questo liquido, denominato appunto percolato di discarica può essere riqualificato in loco, quindi direttamente in discarica, o trasportato in appositi impianti di depurazione. In Italia si è soliti depurare tale sostanza presso impianti di depurazione di terzi. Quindi deve essere trasportato con macchinari specifici presso impianti che ne permettono il giusto trattamento.

Ci preme sottolineare che tale soluzione potrebbe non essere del tutto risolutiva. Infatti alcuni componenti come la frazione non biodegradabile del COD o gli alogenati organici, vengono degradati solo parzialmente e raggiungono i limiti imposti dalla legge per diluizione.

Parlando invece delle caratteristiche qualitative del percolato di discarica è necessaria una premessa. Le caratteristiche qualitative del percolato subiscono variazioni nel corso del tempo per effetto delle diverse reazioni chimiche che avvengono nel corpo della discarica. Risulta pertanto difficile parlare in termini generali delle possibili concentrazioni di elementi del percolato. E’ necessario quindi distinguere caso per caso.

Un valore fondamentale per le analisi è il pH. Oscilla in genere in un intervallo a cavallo della neutralità: da valori minimi (pH=5-6) corrispondenti al campo acido, a valori massimi in campo basico (pH=8.9), a seconda dell’età della discarica.

Anche l’ammoniaca e l’azoto presentano variabilità di valori. L’azoto ammoniacale, caratteristico dei percolati “vecchi”, è molto inquinante.

Sono presenti nel percolato dei metalli alcuni in concentrazioni significative come il ferro il manganese e lo zinco ed altri in quantità ridotte come il cromo e il cadmio.

Da qui alle prossime settimane scopriremo insieme numerosi metodi di depurazione di questa sostanza inquinante. Faremo un vero e proprio viaggio attraverso tecnologia ed innovazione.

Altri quesiti da porre all’assessore all’ambiente di Ugento Massimo Lecci: possibile che nessuno abbia mai saputo niente? Come è possibile che non esista nel nostro comune un sistema di monitoraggio di questi odiosi reati? Quali sono le contromisure messe in atto dall’amministrazione di Ugento? Per quanto ancora dovrà andare avanti questa situazione e quando si provvederà all’annullamento dell’ultimo bando?

Sono tutte domande che urlano l’esigenza di una risposta, che purtroppo come sempre, sappiamo già che non arriverà mai.

Condividi subito questo articolo
0 0 votes
Article Rating
Segui la discussione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments