Oltre il danno la beffa: Ugento fuori dalla rete dei comuni ciclabili

ugento fuori dalla rete dei comuni ciclabili
Condividi subito questo articolo
TEMPO DI LETTURA 1 Minuto

La rete dei Comuni Ciclabili promossa dalla FIAB Italia (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) raggruppa quei Comuni adatti ad essere vissuti e visitati in bicicletta, grazie alle infrastrutture e alle politiche messe in pratica dalle Amministrazioni Locali per facilitare la mobilità sostenibile. Per il 2022, i Comuni pugliesi riconosciuti come amici della bicicletta sono: Bari, Ceglie Messapica, Francavilla Fontana, Gioia del Colle, Giovinazzo, Lecce, Locorotondo, Mola di Bari, Ostuni, Polignano a Mare. A questi si aggiungono i Comuni che compongono l’Unione Comuni Terre di Mezzo: Botrugno, Giuggianello, Nociglia, San Cassiano, Sanarica, Surano.

Rimane dunque fuori Ugento, dopo aver speso oltre un milione di euro in più progetti per la costruzione della velostazione di Ugento (mai entrata in funzione e già abbandonata come denunciato in un precedente articolo) e delle piste ciclabili, vero e proprio argomento caldo che dalla scorsa campagna elettorale non ha mancato di alimentare polemiche.

A nulla è valso dunque il sacrificio dei cittadini di Ugento che hanno visto le loro abitudini stravolte dalla costruzione di un’opera di cui nessuno sentiva veramente l’esigenza. Piazza Italia diventata un’enorme rotatoria quadrata, i costanti ingorghi di via Edison, gli incidenti che dovranno essere risarciti dal Comune di Ugento e i prossimi disagi in via Ripamonti non sono valsi al paese la possibilità di essere inseriti in questa lista, che avrebbe minimamente giustificato l’oneroso investimento pensato e realizzato dalla precedente amministrazione di Ugento.

Condividi subito questo articolo
0 0 votes
Article Rating
Segui la discussione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments