Il Comune in Cassazione: ricorso contro il comune di Augusta.

ricorso contro comune di Ugusta
Condividi subito questo articolo
TEMPO DI LETTURA 2 MinutI

Arriva in Cassazione la sentenza a sfavore di Ugento della Corte di Appello di Lecce del 2016.

Con la DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N°. 6 DEL 20/01/2022 il Comune di Ugento avvia il processo di ricorso alla sentenza emessa dalla Corte d’appello di Lecce N 1369/2021.

La diatriba nasce nel 2014 quando:

Ugento, conveniva in giudizio, dinanzi al Tribunale di Lecce, il Comune di Augusta, ed in via alternativa e subordinata il Comune di Ugento chiedendo che venisse accertato, a carico di almeno uno dei convenuti, la debenza, a titolo di indennizzo ex art. 2041 c.c., dei corrispettivi dovuti per le prestazioni assistenziali erogate dalla cooperativa in favore di tredici minori stranieri non accompagnati di nazionalità eritrea e di nazionalità gambiana, sbarcati in Sicilia nel territorio di Augusta, nel periodo compreso fra il 30.10.2013 ed il 10.1.2014, ed accolti in struttura;

estratto.

13 minori erano stati assistiti da una coperativa, La Svolta di Gemini, che richiedeva un indennizzo che sarebbe dovuto arrivare o dal Comune di Ugento o da quello di Augusta.

Nel 2016 Ugento ha la sentenza a favore, nello stesso anno Augusta fa ricorso e Ugento ne ha conoscenza nel 2017.

Nel 2018 l’Ente conferiva all’avv. Micolani l’incarico di difesa. Lo stesso dall’inizio del processo legale.

Nel 2021:

L’avv. Micolani ha trasmesso la sentenza n. 1369/2021 emessa dalla Corte d’Appello di Lecce, con la quale, in accoglimento dell’appello proposto dal Comune di Augusta, è stato condannato il Comune di Ugento al pagamento, in favore della …OMISSIS… della somma di € 40.000,00, oltre interessi legali dalla data di messa in mora al saldo, dichiarando compensate le spese del doppio grado di giudizio e dichiarando la sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del Comune di Ugento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato ai sensi dell’art. 13 comma 1-quater del DPR 115/2002

estratto.

La Corte d’Appello di Lecce ha condannato il Comune di Ugento a pagare la somma di 40.000 euro, oltre interessi legali, accogliendo così il ricorso del Comune di Augusta.

La sentenza è stata notificata alla cooperativa “La Svolta” nel 2021, protocollata a gennaio 2022 al Comune.

Ugento, su raccomandazione del legale, ha deciso di impugnare alla suprema Corte di Cassazione la sentenza della C. di Appello di Lecce.

La proposta di appello alla Cassazione si basa, come espresso dal legale, sulla seguente motivazione:

“la legge regionale siciliana, come quella pugliese, prevedeva che ogni onere economico ricadesse sul Comune del rintraccio”.

DI AUTORIZZARE, per tutte le motivazioni di cui in premessa e al fine di tutelare i diritti dell’Ente, l’impugnazione innanzi alla Suprema Corte di Cassazione della sentenza n. 1369/2021 emessa dalla Corte d’Appello di Lecce a definizione del giudizio di impugnazione promosso dal Comune di Augusta nei confronti del Comune di Ugento e della …OMISSIS…, autorizzando sin da ora il legale che verrà officiato a richiedere, ritenendone sussistenti i presupposti, la sospensione dell’esecutività della sentenza;

estratto.

Nello stesso periodo, ossia ottobre 2013 e 2014, sul sito del comune risultano dei pagamenti per l’affido di minori alla stessa cooperativa in questione (CLICCA QUI).

1788426_ATT_000045718_32625-procedimento-comune-di-ugusta-per-spese-40-migranti

Delibera completa il allegato.

Condividi subito questo articolo
0 0 votes
Article Rating
Segui la discussione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments