Posidonia e bacini: una convivenza difficile

posidonia e bacino
Condividi subito questo articolo
TEMPO DI LETTURA 2 MinutI

La convivenza tra posidonia e bacini è sempre più difficile a causa dei pochi e inutili interventi di miglioria attuati dall’amministrazione e dal consorzio di bonifica.

A distanza di meno di un anno dalla rimozione della imponente ostruzione di residui di posidonia oceanica (lunga oltre 40 metri), che intasava il bacino di Torre San Giovanni nel bel mezzo del centro abitato, nel tratto tra via Corsica e via Malta, l’annoso problema è tornato a ripresentarsi più volte nei mesi scorsi.

La segnalazione arriva dalla pagina facebook “Monitoraggio bacino Torre San Giovanni”. Dal 2019 questa pagina raccoglie documentazione fotografica, con lo scopo di sensibilizzare la popolazione e le istituzioni sulla tutela di quello che è uno dei più importanti ecosistemi palustri del Salento.

Le praterie di posidonia, che sorgono nei fondali al largo delle nostre coste, oltre a rappresentare un bio-indicatore della qualità delle acque marine costiere, svolgono un importante opera nella protezione della linea di costa dall’erosione.

La posidonia come qualsiasi altra pianta, perde le foglie secche, che normalmente non costituiscono un problema, se non visivo, quando spiaggiate lungo la costa.

Rappresenta, però, un serio problema all’interno di un sistema artefatto come quello dei bacini: l’accumulo dell’alga, impedisce il corretto afflusso di acqua dal mare all’interno degli stessi, compromettendo, di fatto, l’equilibrio del delicato ecosistema palustre.

Ne è un esempio la moria di pesci dello scorso ottobre (QUI l’articolo)

I bacini, nati per bonificare, rendendono abitabile un territorio, il nostro, che prima si rivelava inospitale e malarico.

Allo stesso modo,oggi, rischiamo di tornare una terra “inospitale”, quantomeno per i residenti che più volte hanno denunciato problemi di salubrità quali la massiccia presenza di zanzare e l’odore nauseabondo dovuto alle alghe in putrefazione

Anche se in maniera meno vistosa, attualmente il fenomeno è visibile nel tratto dove il canale si distacca da via Corsica formando una curva che poi immette il canale stesso nel bacino Sudenna.

Questa posizione rende difficile, se non impossibile, una eventuale risoluzione con l’ausilio di mezzi cingolati, metodo questo, utilizzato nel corso degli ultimi interventi

I pochi interventi eseguiti negli ultimi anni, ad opera del Consorzio di Bonifica Ugento Li Foggi, l’ente preposto alla manutenzione, non sono stati mai atti alla risoluzione del fenomeno, ma hanno interessato la rimozione occasionale di cumuli di posidonia.

Il problema, visto e considerato l’importante valore naturalistico del sito, ma anche la vocazione turistica di Torre San Giovanni, meriterebbe maggiore attenzione delle istituzioni che finora sono risultati miopi

Condividi subito questo articolo
0 0 votes
Article Rating
Segui la discussione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments